Un affascinante itinerario presentato in collaborazione con la guida naturalistica Umberto Saetta alla scoperta di un sentiero il cui nome già annuncia meraviglie. 
La Valle delle Ferriere è un luogo incantevole, a tratti fiabesco, che offre scorci di vegetazione fitti e dai colori intensi al punto tale da ottenere un sapore equat
oriale.
Ricca di splendide sorgenti e cascate, alberi secolari, la valle appare come un suggestivo anfiteatro, esposto a mezzogiorno e circondato da alte rupi. 

Il percorso parte dalla piazzetta di Pontone, prendendo la mulattiera che passa sopra la fontanina e poi davanti alla trattoria Antico Borgo.
Continuando verso l’interno della valle inizia la salita che conduce, fra stretti terrazzamenti, limoneti e vigneti che si stendono sopra il sentiero, fino alla sella a quota +310 slm. Di qui si percorre un sentiero lastricato, prima in ripida discesa e dopo aver superato con minimi saliscendi, fino ad un piccolo edificio dell’acquedotto. Oltrepassato il casotto, dopo pochi metri, si scende a sinistra e dopo alcune centinaia di metri si
giunge alla Ferriera, si passa sotto l’arco dell’antico acquedotto arrivando così in riva al torrente Canneto. 
Poco più a monte c’è la Riserva Integrale dove è possibile ammirare in tutto il suo splendore la felce Woodwardia, la cui origine risale al periodo Terziario, tipica rappresentante di una flora tropical-montana che 70 milioni di anni fa caratterizzava le aree montuose di alcune regioni del Mediterraneo. 
Poiché è una delle poche
testimonianze di quella antica flora, oggi è da considerarsi un vero e proprio “fossile vivente”. 

Difficoltà del percorso: media (adatto anche ai bambini)
Abbigliamento consigliato: zainetto, scarpe sportive o da trekking e indumenti comodi, k-way.
Almeno 1 bottiglia d’acqua da un litro

Durata: dalle 10.00 alle 15.30 (si richiede massima puntualità)
Lunghezza complessiva: 7 km ca 
Quota massima: 300 mt s.l.m.
Previsto un assaggio di vino – Colazione a sacco a cura dei partecipanti! 

APPUNTAMENTO:
ore 10:00 a Pontone di Scala alle all’ultimo parcheggio, quello della balconata vicino alla fontanina.
N.b. : il percorso non prevede il ritorno a piedi al punto di partenza, che sarà raggiunto da Amalfi tramite una navetta pubblica per Pontone di Scala con biglietto è a carico dei partecipanti.

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO: euro 15,00
Soci GUAPANAPOLI e FEDERCRAL: euro 10,00

Come si arriva: 

– In auto: da Salerno o da Positano si percorre la SS 163 fino all’incrocio con la SS 373 (loc. Castiglione di Ravello), si sale poi verso Ravello fino all’incrocio con Pontone di Scala. 
Per chi arriva dalla A3 Napoli-Pompei-Salerno e dalla A30 Roma-Caserta-Salerno, è possibile prendere la Strada Provinciale 1, oltrepassare il Valico di Chiunzi e proseguire in direzione di Ravello, procedere quindi per Amalfi fino all’incrocio per Pontone di Scala.
-In treno: dalla stazione di Salerno prendere l’autobus SITA per Amalfi. Da Amalfi proseguire per Ravello sempre in pullman SITA e fermata bivio di Pontone, incamminarsi poi verso Pontone (circa 1 chilometro) con arrivo in Piazzetta S. Giovanni.

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). 

Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti.
La gita avrà luogo al raggiungimento di almeno 10 partecipanti.

UN PERCORSO GUAPANAPOLI
info e prenotazioni 347/7519444, [email protected]

Comments are closed.